• Italiano
  • Inglese
  • Spagnolo

La nostra Azienda

L’Industria Chimica Panzeri, fondata a livello di attività artigianale e di commercio di articoli nel settore della detergenza dal Comm. Andrea Panzeri e dalla Sig.ra Maria agli albori degli anni ’30 prima del secondo conflitto bellico, e situata originariamente in un contesto urbano di Bergamo,e precisamente in Via Carnovali, trova la sua definitiva affermazione a livello di complesso industriale a metà degli anni ’60.

Il successo e la continua espansione sul mercato a livello detersivistico dei celeberrimi marchi Bucaneve e Kappa nel dopoguerra portarono alla realizzazione  del nuovo e tuttora conosciuto insediamento industriale di Orio al Serio di Via Cavour, 18 su un’area complessiva di 32000mq di cui 15000coperti, ed alla costituzione dell’Industria Chimica Panzeri Srl (inizialmente Industria Chimica Panzeri GF), la cui inaugurazione ebbe luogo il 9/1/1967, ma la cui nascita burocratica effettiva a livello di ragione sociale iscritta agli albi della Camera di Commercio risale al 1965.

La costante ricerca di innovazione, inizialmente accompagnata dall’esigenza di produrre internamente un componente dei formulati detersivistici (in particolare Ottilfenolo e Nonilfenolo Ossietilati), spinse la proprietà, ed in particolare il principale mentore ed artefice dell’affermazione della nuova realtà negli ultimi 40anni, ovvero il Dott. Gianfranco Panzeri, figlio del Comm. Andrea e padre dell’attuale omonimo presidente ed amministratore delegato, nonché di Serena Panzeri (responsabile amministrativa) e Francesca Panzeri (consulente legale aziendale), ad inserire progressivamente a livello produttivo una linea nuova di prodotti basati sulle lavorazioni con Ossido di Etilene per la sintesi di tensioattivi non-ionici, utilizzati come ausiliari ed intermedi nei settori tessile, conciario, cosmetico, della detergenza, e nei campi dell’agrochemical, della polimerizzazione, del building, del metal-working e trattamento delle superfici, delle materie plastiche e molto altro ancora.

La competenza, l’esperienza e la serietà del Sig. Gianfranco Panzeri, unita ad una pressoché totale dedizione all’azienda di famiglia, hanno consentito alla stessa di svilupparsi continuamente e di guadagnare uno spazio rilevante nel campo degli ausiliari chimici.

Un ulteriore impulso all’azienda a livello commerciale e di caratura nazionale nonché lustro nel panorama chimico in generale, è giunto poi negli ultimi 7-10anni con l’avvento di un altro Andrea (attuale General Manager, nipote del primo e figlio del Dott. Gianfranco), che, dopo un ventennio di esperienze a livello produttivo come responsabile di produzione, con spirito visionario e lungimiranza ha strutturato l’azienda a livello tecnico e commerciale in modo tale da consentire all’Icp di posizionarsi stabilmente nell’elite delle aziende della Lombardia raggiungendo livelli inimmaginabili sino a pochi anni or sono, sprovincializzandola sino a competere con colossi e multinazionali del settore sicuramente molto più attrezzate e strutturate sia a livello di budget economico che di personale, e questo con un’espansione asian style in pochi anni che ha pochi precedenti o raffronti nel panorama lombardo.

A seguito dell’evoluzione della gamma produttiva (attraverso un’opera di differenziazione e specializzazione a livello di intermedi), nonché di out-sourcing strategico, trading integrato, jointventure-agreements, partnerships con co-producers e parziali compartecipazioni societarie e commerciali per aumentare la capacità produttiva, l’ICP si sta sempre più delineando come l’alternativa di classe low-cost e la risposta lombarda alle multinazionali, e questo le ha consentito di trovare sbocchi commerciali in un bacino d’utenza più cosmopolita, sopperendo alla progressiva saturazione del mercato italiano.

La società ha negli ultimi anni progressivamente consolidato la sua presenza nei mercati del Far-East, Middle-East, Sud-America, Centro-America ed Africa Settentrionale e Meridionale, oltre ovviamente ad aver rafforzato le storiche posizioni a livello nazionale ed europeo (e questo preponderantemente in Spagna, Russia e Repubbliche Ex-Sovietiche, UK, Francia, Germania, e nell’area Mittleuropea dell’est.

ICP ha trovato una stabile collocazione nel panorama d’élite della chimica italiana ed in particolare dei tensioattivi non-ionici (categoria di prodotti che soltanto un novero ristrettissimo di aziende italiane può produrre) e degli intermedi per i settori tessile, conciario, della detergenza e del building, della polimerizzazione in emulsione, delle materie plastiche e del metal-working, dell’agrochemicals, del car-washing,della galvanica e della gomma, del fine-chemicals e del personal-care, e soprattutto degli intermedi Tailor-Made e Blends di Base per il settore cosmetico, tricologico, e del hair-care.

L’irrefrenabile ascesa del gruppo, tuttora attestata su un livello di 55-60 mln/eur di turnover annuo,è sempre stata correlata dalla ricerca di soluzioni avveneristiche e precorritrici dei tempi a livello qualitativo e di Know-How produttivo, che hanno consentito all’Icp di assurgere allo status di prima alternativa Top Class estremamente concorrenziale nei confronti delle multinazionali del settore, erodendo parecchie quote di mercato di queste ultime grazie ad un comprovato livello qualitativo della gamma produttiva, ad una profonda competenza tecnica, ed a un’eccezionale penetrazione commerciale, facilitata anche da un apparato estremamente duttile e rispondente alle esigenze dei clienti, a prescindere dalla loro grandezza.

Altresì molto significativo il fatto che ICP abbia conseguito tutti questi traguardi sempre con una particolare attenzione ad una politica rispettosa dell’ambiente ed alle delicate tematiche della sicurezza. Per il futuro sono al vaglio della dirigenza l’implementazione di soluzioni eco-sostenibili a livello di RSPO per certi ambiti ed il conseguimento di particolari certificazioni(GMP e GMP Plus) e l’aggiornamento e la ricerca, tramite uno staff interno di, di soluzioni progettistiche ed impiantistiche con un’ottica di evoluzione, ottimizzazione e riduzione dei by-products, risparmio energetico e riduzione delle emissioni ambientali.

L’ICP è altresì produttrice (seconda in Europa per volumi) di solfato stannoso (impiegato nel settore dell’elettrocolorazione dell’alluminio e nel campo cementizio come agente riducente del cromo esavalente nel clinker o nei cementi più nobili) per via elettrolitica e galvanica e la vendita del suddetto è veicolata tramite una società partecipata.

Ciò rappresenta un segmento eterogeneo e complementare al Core-Business dell’azienda, che rimane quello della produzione di tensioattivi non-ionici Ossietilati.